laboratorio

Creiamo un laboratorio di idee bislacche rivoluzionarie

Geniali cittadini!

E' giunto il momento di mettere insieme i nostri preziosissimi cervellissimi per trovare il modo di sconfiggere i cattivi una volta per tutte e, soprattutto, per moltiplicare i buoni, i belli, i simpatici, i divertenti e quelli che cucinano bene!

Creiamo un laboratorio di idee bizzarre e allucinanti volte a salvare il mondo e tutti i suoi abitanti, che se lo meritino o no! Scrivete e proponete tutto ciò che vi viene in mente anche se vi sembrano cose assurde, anzi soprattutto se vi sembrano imprese visionarie che avete sempre pensato sarebbero fallite.

Insieme possiamo fare l'impossibile, abbiamo dalla nostra ingegneri e scienziati, artisti e supermanager. Abbiamo contatti in tutto il mondo ed oltre! Servono un branco di elefanti? ettolitri di inchiostro simpatico? Foto di Mengacci nudo? Non ci fermeremo davanti a niente!

Quando avremo deciso dove puntare, svilupperemo le idee che più ci piacciono e le realizzeremo insieme!

Coraggio! vi invito a creare un account sul sito e usarlo il più possibile, creiamo un dibattito.

GRAZIE MERAVIGLIOSI CITTADINI!

 

La presidementa

Vania

La rivoluzione e' piacevole!

 E ti regala 25 week-end a Alcatraz per due persone!

Incredibile ma vero!

Giovedì 29 aprile 2010 ore 19-21 vieni su www.jacopofo.com e goditi la diretta tv.

Scoprirai cosa ti stiamo preparando.

Una proposta alla quale non saprai dire di no.

Una roba tipo Messico e nuvole, formaggio con le pere, sesso e amore.

Rivoluzione e fantasia, solidarietà e ballo.

E ci saranno delle decisioni da prendere sul destino della Libera Repubblica di Alcatraz, l'allevamento di marziani daltonici, la trasformazione del piombo in oro e altre quisquilie.

 

 

 

Jacopo Fo in diretta: "Ti racconto tutto quello che stiamo facendo e come unirti a noi per scrivere un libro, giocare alla caccia al tesoro, scoprire la Città Segreta, vivere nell'ecovillaggio, costruire case di paglia, guadagnare con le ecotecnologie, consociare i tuoi acquisti, migliorare la tua tecnica amatoria, coltivare mele stregate, immaginare un mondo migliore."

 

UNA PANORAMICA SCIOCCANTE SU TUTTO QUELLO CHE STIAMO SOGNANDO.

 

Un evento epocale, in diretta, con la possibilità di telefonare, scrivere in chat, chiamare su Skype, inviare video, audio, chilate di pomodori e sculture riciclate.

INTERATTIVO DA BESTIA!

Con la partecipazione straordinaria di Eleonora Albanese e Vania Di Febo, presidente della Libera Repubblica di Alcatraz.

 

Giovedì 29 aprile 2010 ore 19-21

 

Dalla Ministra dell'arte: CLAUDIA. Il Pasqual laboratorio.

Cittadini artisti, colorati e di belle intenzioni animati!

Ecco una proposta di laboratorio del divertimento da fare comodamente a casa vostra sui vostri sofà, letti, sedie di tutte le fogge, tappeti volanti o magnifici cammelli nel caso in cui abitiate in una zona un po’ più a sud.

Prima parte...

Prendete oggetti vecchi e invece di buttarli, decorateli, animateli, trasformateli. Riciclarte sia con voi! E al grido: La terra ha bisogno della nostra cura, riduci la spazzatura! Prendete, invece di buttarlo, il cartone delle uova ( immancabile il riferimento pasquale), e create anche voi un piccolo oggetto decorativo da appendervi in cucina o dove preferite. Bastano colori a acqua, pennelli e fantasia che certo se siete alcatraziani e umani non vi mancano pur tuttavia. Fatto? Ma che bravi!!  Chi preferisce può incartare vecchie suppellettili pronte al macero, con un po’di colla da parati o semplice vinavil e pezzetti di carta di giornale. Una volta asciutta la colla non vi rimane che decorare con i colori più pazzi e via, il gioco è fatto!.. Stupenda quella vecchia lampada lunga lunga che non funzionava più, rivestita di carta di giornale e decorata con quei colori flash che stai usando adesso come originalissimo appendiabiti!!! Bravi, bravi, bravi!! Bene, deponete i pennelli, metteteli a bagno nell’acqua e non dimenticatevi di lavarli!!!

Parte seconda..
 
Trovate degli amici, ma simpatici, di quelli come voi un po’ folli della follia bella che vi porta a sognare elefanti rosa che volano nei cieli e palloncini colorati che li sospendono per aria.. Mettetevi comodi, massaggiatevi e coccolatevi un po’ e poi inventate delle storie con parole inesistenti del tipo… “oggi a medarione si è strampalato lo stariocco asbicotto. Erano arie distalane e cascavano a trabattane le trompiette di croccoloni ma nonosevano camelioni carapallone e si baranzavano col tralloppio strombolo. Detto tramme tui e giò che ca rasta da fari si no caripe lo mari? Cotrì indrivano a strafaccarse de tra sette lo mari e guariannnono lo strompone. Nu trasimento de lo astrocarolo ma betritu forti!” poi leggetevele ad alta voce mettendoci pure un po’ di enfasi.
E così passerete una giornata piena di fantasia, una pasqua con  allegria e verranno fuori cose così strampalate che vi prenderà sicuramente quella ridarella selvaggia che la pancia ti massaggia.  Alla fine della giornata avrete goduto proprio a pieno della vostra gioia e di quella degli amici!
Buon divertimento!!!
E mandateci le foto della vostra produzione!!!!

 

laminestradellarte

Claudia

 

Facciamo un grande pesce d'aprile?

Divertentissimi cittadini!
Si avvicina il primo aprile... la facciamo grossa? Onoriamo quest’antichissima festa pagana con uno scherzone da sbudellarci dalle risate? Ne facciamo una da capitombolare ginocchioni a terra dagli sghignazzi? Una che l’eco delle risa risvegli le marmotte in letargo in Finlandia e si propaghi fino in Tibet mettendo in discussione l’esclusività della potenza vibrante dell’OM rassodando cosce e glutei stanchi?
Sicuramente avete un’idea che non si è mai azzardata ad uscire allo scoperto e vi autocensurate perché la giudicate irrealizzabile. Ma io vi dico che questo è il momento di condividerla perché siamo tanti, impavidi, geniali, affascinanti e pressoché onnipotenti.
Stupiamoci, divertiamoci e diffondiamo la novella demenziale.
Abbiamo tantissimi mezzi a disposizione financo il polo di comunicazione interstellare con marziani ed affini! Ma soprattutto abbiamo dalla nostra il desiderio incontenibile di liberare e sparpagliare le nostre risa e quella forza inestinguibile che distrugge la noia e sazia di vita.
Tremino le cravatte perché nessun nodo sarà più lo stesso! Il mondo sarà migliore: la gente probabilmente non avrà più voglia di discutere agli incroci ed azzardare sorpassi ma preferirà scivolare su pattini a rotelle o dondolare sulle biciclette…
Cittadini, non indugiate ma buttate lì quello che vi viene in mente, facciamo un telematico brainstorming e dimostriamoci seriamente impegnati nella lotta al brutto andazzo. Se Pitagora si fosse tenuto i suoi lampi di genio l’ipotenusa sarebbe il terrore dei geometri!

Ovviamente intendo dire che vorrei proponeste degli scherzi da fare commentando l'articolo...
 

Dal fronte i presidenti dichiarano Sguerra!

                                     Nell'immagine i presidenti armati fino ai denti.

Bellici ttadini!

Resistete!
Il nemico invisibile, ma sicuramente antiestetico, ci attacca da tutti i lati: non dovete mollare!
Ieri mi è arrivata una bellissima mail di un amico che mi raccontava di storie straordinarie. Ebbene si! Avevano sabotato anche quella! In fondo al testo c’era una pericolosa pubblicità che si fingeva consiglio e diceva così: “Stanco della noia? Prova i nuovi giochi di Messenger!”.
Noooooo!!! Ma come si fa!? Ma se proprio siete stanchi della noia e proprio non vi va di fare niente al massimo fate gli scherzi telefonici (è solo un esempio, non si fanno gli scherzi telefonici!)!
 Stanno utilizzando nuovissime armi rincretinenti: non ci possiamo più distrarre un momento che ci s’infilano nelle orecchie e ci sussurrano che dovremmo comprare un telefonino nuovo dei colori dell’arcobaleno invece di stare lì con le mani in mano!
Il pericolo è in agguato anche nel tragitto da casa al fruttivendolo dove potremmo incontrare delle donne giganti con tette altrettanto giganti che dall’alto dei loro cartelloni ci fissano con lo sguardo snob che ci ricorda che loro sono molto più sexy di noi.
In televisione hanno ottenuto che nessuno parli piu’ in italiano ed i protagonisti del momento si urlano dietro sfoggiando tutta la loro meschinità, voltagabbanezza, noiosaggine e gusto nella scelta delle scarpe!
Ci sono però dei momenti morti in cui si attiva il nostro cervello che non ha nient’altro da fare e che sono utilissimi per riordinare le idee, avere colpi di genio e pensare a quanto amiamo i nostri amici; questo succederebbe ad esempio quando aspettiamo l’autobus, durante la digestione nella pausa pranzo, durante un tragitto in treno o mentre prendiamo tempo nell’attesa di un amico ritardatario… Fate attenzione pure lì perché finanche per questo si sono attrezzati grazie a face book mobile! Non dobbiamo più pensare perché possiamo occupare ogni secondo del nostro tempo con tutte queste belle attività che ci mettono a disposizione!
Ormai è guerra aperta! Anzi, Sguerra!! Come loro ci bombardano senza riserve così noi risponderemo al fuoco nemico mitragliando di indelebili sorrisi, giochi spiazzanti, scherzi edificanti, abbracci innamorati, baci sonori, fondamentali novità, bellezza selvatica, comprensione, solidarietà, ecologia e sincerità! Difendiamo e diffondiamo la nostra preziosissima intelligenza!
Se volete far parte dell’intelligence e programmare il contrattacco commentate l’articolo o scrivete a info@repubblicadialcatraz.com.
 

 

CITTADINI VI VOGLIAMO INCONTRARE!

Parsimoniosi cittadini!
Siete interessati al colossale laboratorio creativo che si svolgerà ad  Alcatraz dal 13 al 15 novembre (http://www.repubblicadialcatraz.com/node/18)? Sappiate allora che noi siamo interessati ad avervi li! Infatti, solo voi, in quanto cittadini, potrete usufruire di un 20% di sconto e quindi pagare solo 80 coloratissimi talenti/euro per il corso e la pensione completa (completa di che? completa di primizie biologiche!)!
Allora? Ci vediamo presto tra le colline di alcatraz infiammate dall'autunno?
Prenotate allo  0759229914-38-39 specificando di essere cittadini.

Il Presidente della Libera Repubblica di Alcatraz
  Vania

L'ANTI FRONTIERA

Iniziamo alla grande! E' finalmente arrivata la prima idea del laboratorio bislacco dei realizzatori di sogni, una nuova festa nazionale: l'antifrontiera! Il geniale scienziato dal grande cuore Carlo Ungarelli, ha detto la sua:

Ecco un'idea un po' bislacca ma molto sentita. Cosa sono le frontiere ? Sono dei luoghi in cui si impedisce a qualcuno di entrare o si chiede a qualcuno di pagare un pedaggio..mentre noi dobbiamo avere le anti-frontiere. Come farle ? E' semplice: si prendono un po' di persone, si costruisce una piccola garitta di cartone, la si colora: ci si veste da clown e ci si mette fuori le stazioni, e gli areoporti..ci si munisce di un po' di piccoli regali (cibo, origami, quello che volete e sapete fare ) e si accolgono i nuovi arrivati regalando anche abbracci. Io sarei per organizzare la giornata internazionale dell'anti-frontiera. Ah, dimenticavo, si pensava con Vania di farlo anche ad Alcatraz ogni volta che c'è un corso. Ci mettiamo in prossimità della bandiera e si accolgono gli ospiti così, che ne dite ?  Baci ed abbracci a tutti/e

Cosa ne pensate? a me sembra stupenda! Organiozziamoci subito:

  1. Quando la indiciamo? Io proporrei di farla cadere il 20 dicembre. Vi va bene?
  2. La cosa migliore sarebbe riunirsi tutti nella stessa città, magari ad Alcatraz che rimane più facile a tutti. Oppure preferite dividerci in due gruppi, uno a nord e uno a sud ed organizzarci facendo le stesse scenografie in due diverse città tipo roma e Milano?
  3. Una volta stabiliti i punti precedenti c'è bisogno di dividere i compiti: servirà uno scenografo che realizzi la frontiera di cartone, più persone che realizzino i regali (magari fatti con materiali riciclati, dei bracciali, delle collane di fiori, delle coroncine, origami e torte), serviranno delle telecamere perchè da quest'evento tireremo fuori un video da mettere su youtube che farà 5000 visualizzazioni alla settimana e renderà la nostra meravigliosa repubblica famosa in tuitto il mondo!!!!! Yuppieeeeeeee!!!!
  4. Mi chiedo: ci lasceranno fare le nostre variopinte follie in aeroporto? ho i miei dubbi.. a volte le forze dell'ordine hanno paura dell'affetto... io lo farei in stazione per andare sul sicuro. qualcuno ne capisce? Cosa ci potrebbero dire? cosa potremmo rispondere?

Vi prego di farvi avanti senza indugio! Siete o no dei visionari tutt'un brio?

Grazie ancora Carlo!

Vania

SCATENATI CON I REALIZZATORI DI SOGNI

Abbiamo dato vita a un nuovo movimento. Abbiamo scelto un nome grandioso: REALIZZATORI DI SOGNI.
Vuoi aderire?
Tu dirai: “Prima spiegami che cavolo di movimento e', come faccio ad aderire se non mi dici cos’e'?”
Ma come? (rispondo io) Che movimento vuoi che sia un movimento di realizzatori di sogni? Si cercano i sogni e poi si realizzano. Cosa non capisci? La parola REALIZZARE o la parola SOGNI?
A questo punto o stai pensando che sono scemo e non entrerai mai nei Realizzatori di Sogni, oppure la cosa inizia a insospettirti. Magari non e' una stronzata pazzesca.
In effetti si tratta di un’abnorme genialata.
Quante volte hai detto che ti hanno rotto i coglioni tutti 'sti politici che fanno duemila programmi e promesse e poi non fanno un cazzo?
Facciamo un movimento che ha un solo obiettivo, semplice.
Ed anche l’idea di movimento che ci sta dietro e' semplice.
Nel Movimento dei Realizzatori di Sogni possono entrare solo i Realizzatori di Sogni. Nella domanda di iscrizione c’e' scritto: “Per essere un Realizzatore di Sogni devi per forza aver realizzato dei sogni, quindi se vuoi entrare nel movimento dei Realizzatori di Sogni devi raccontarci due sogni che hai quantomeno contribuito a realizzare.
Questo significa che non mettiamo insieme la qualunque ma solo ed esclusivamente Realizzatori di Sogni, conclamati in quanto hanno realizzato almeno due sogni prima di entrare nel movimento.
A questo punto la strategia e la tattica, la linea politica e le alleanze vengono da se'.
Il nostro obiettivo e' creare una grande tempesta di cervelli, una fucina di idee, un conciliabolo di streghe e maghi della fantasia e individuare sogni realizzabili, e realizzarli.
Ovviamente in quanto sognatori aborriamo ogni forma di centralismo burocratico, siamo per lo sdoppiamento delle iniziative, l’accoglienza verso la minoranza, l’azione laterale, il ragionamento trasversale, le palle a effetto e la comunicazione subliminale.
Siamo i Beneandanti del 21° secolo.
Siamo una setta artistica, una massoneria letteraria, un’illusione ottica.
Se ti piace l’idea butta qui le tue proposte (commentando questo articolo; per farlo devi registrarti).
E preparati a venire a Alcatraz dal 13 al 15 novembre, realizzeremo un colossale laboratorio creativo. Affila le tue antenne emozionali (tariffa unificata per due giorni di pensione completa 100 euro).

ALTRE INFORMAZIONI SPARSE SUL PROGETTO
Dal punto di vista tecnico i Realizzatori di Sogni si configurano come un’unita' autonoma della Marina Militare della Libera Repubblica di Alcatraz.
Un’unita' scelta selezionata con l’intento di creare una force de frappe per le emergenze. Quando un attacco d’arte fa la differenza tra la sciagura e la salvezza ecco apparire dal cielo gli elicotteri gialli a pallini rosa dei Realizzatori di Sogni. E niente e' piu' uguale.

Tra i sogni dei Realizzatori di Sogni c’e' anche quello di guadagnare denaro facendo cose esilaranti e poetiche come un telegiornale che racconti eventi onirici, coprire una montagna di fazzoletti sporchi di lacrime perche' il sole le asciughi o danzare di notte dentro un torrente per agitare le acque.

Sinceramente il problema e' che questa situazione politica italiana ci ha cacciato in un tale grigiore da signori della guerra che sento impellente il desiderio di far saltare il tappo che hanno messo al mio campo visivo. Ho voglia di grida cromatiche oltre lo spettro dell’infrarosso.
Ne ho pieni i coglioni dei Biechi Blu. Voglio la policromia.

Voglio trovare i migliori artisti viventi in questo momento e metterli attorno a una tavola rotonda e voglio alzarmi e chiedere: “Come mai non siamo in otto?”
E qualcuno risponde: “E’ arrivato perfino Lancillotto!”
Ma Patata Albina!
C’e' qualcun altro che si rende conto che ci hanno affossato nella melma comatosa della fanta destra e della fanta sinistra e dei rapporti orali dei personaggi illustri e c’e' meno voglia di ballare, fare sesso e pronunciare discorsi futuristi e situazionisti, in boxer gialli a pallini rosa, in una via del centro cittadino? Questo e' il nocciolo della questione.
Rileggiamoci Do it! (Fallo!) di Jerry Rubin.
Ripartiamo da li'.
Avevo 18 anni, la mia vita era distrutta ed ero riuscito a fare l’amore pochissime volte.
Adesso ho 54 anni, ne ho viste e fatte di ogni e ho voglia di un grande urlo nella mia vita. Ho voglia di assaltare il Palazzo d’Inverno della mia tristezza, divellere le inferriate dei sotterranei e dei giardini pensili e tuffarmi nella fontana del gioco creativo.
Questo e' un appello ai diciottenni e ai cinquantaquattrenni, gli altri forse sono troppo giovani o troppo vecchi per capire.
Sarai insieme a noi nel fuoco fatuo della battaglia emozionale?
Inventerai la tua danza percettiva?
Insorgi, unisciti alle orde che tramano nella sub-rete scavando gallerie negli archetipi della comunicazione non verbale.
Apriremo i cieli con le nostre scoregge fiammeggianti?
Forse.
Sicuramente prenderemo a pernacchie le strutture mentali, distorceremo i punti di vista, cattureremo scorci ineluttabili, sonderemo abissi di piacere assoluto, bivaccheremo nel Nirvana, faremo sesso nel Satori, scaleremo scivolando sulle nostre slitte le vette dello Zen Bergamasco.
Siamo i Paul Klee, i Mozart, gli Stravinsky, siamo i claun sciamani di Bali, i monaci pazzi del Tibet, i maestri sufi della dissoluzione, siamo la reincarnazione delle schiere dei nostri antenati, quelli che sono stati bruciati perche' non credevano alle regole e ai dogmi. Siamo tornati.
Quando le idee sono morte i sogni iniziano a giocare.

Proclama rivoluzionario:
Appendi la tua visione ai pali della luce.
Arrivera' a casa mia in un momento
Cosi' sapro' che cosa pensi
E potro' cercare nel mio panorama mentale se c’e' un punto dove attaccare il tuo esagono in modo che ridica
L’obiettivo del gioco della Rete,
gia' noto come Gioco delle Perle di Vetro
e' di ricomporre il puzzle tridimensionale
far combaciare i sogni.

Troviamoci sulla Repubblica di Alcatraz
Altrimenti cercami su Skype

Il presidente del consiglio

Jacopo Fo