ECO-MEDITAZIONE

 Il terremoto, lo tsunami, il vulcano, la primavera fantasma ed ora il diluvio universale.

Non possiamo niente davanti alle irrevocabili decisioni dell’eco-dea, FORSE POTEVAMO.

Innanzitutto e’ necessario ammirare la potenza della natura: nessun esercito, nessuna bomba intelligente, nessuna banca, nessuna precauzione e nessun presidente, che sia altissimo o meno, puo’ nulla contro cio’, assolutamente niente!!

S-T-R-A-O-R-D-I-N-A-R-I-O!!

Dopo questa meditazione occorre farne un’altra. Seguono alcuni spunti di riflessione.

- In Africa le coltivazioni di cotone per le nostre magliette abusano di pesticidi che penetrando nel terreno contaminano le preziosissime falde acquifere.

- I depuratori non sono altro che setacci, tolgono solo i “pezzettoni”. Il resto viene scaricato nei fiumi e nei mari.

- L’inquinamento marino uccide le tartarughe che sono le predatrici naturali delle meduse: per questo ce ne sono sempre di piu’ e le specie tropicali stanno arrivando in tutto il mondo.

- L’inquinamento sta decimando le famiglie di api. Questo ha serie ripercussioni sull’agricoltura: sono loro che impollinando le piante ne permettono la riproduzione.

Cittadini vi prego, agite come se sapeste cosa causano le vostre azioni.

Ed ora meditate sul fatto che l’eco-saggissima ve ne sara’ grata. La natura e’ infinitamente potente e la sua “furia” e’ immensa come le benedizioni che ha in serbo per voi. Un’amica che se lo meritava ha accarezzato un delfino mentre faceva un bagno in mare (e’ verissimo! Mica bruscolini!).

Siate amorevoli e premurosi con la Pacha Mama come lo e’ lei con voi quando aggiunge un profumo diverso ad ogni fiore.

 

Commenti

la vostra è un' informazione reale, pulita e positiva...
continuate cosi'.